8 Maggio: Giornata mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

8 Maggio: Giornata mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

8 Maggio: Giornata mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Oggi 8 Maggio è la giornata dei volontari, la Giornata Mondiale della Croce Rossa. Un giorno in cui milioni di persone sotto l'emblema della Croce Rossa, dicono a tutto il pianeta che i Sette Principi su cui la nostra organizzazione si basa sono quanto di più attuale, oltre che essere da garanzia e guida delle azioni del Movimento Internazionale di Croce Rossa.

Bisogna ricordare i Volontari che in tutto il mondo sono impegnati da mesi ad affrontare questa pandemia. Quelli impegnati sui fronti di crisi e di guerra, oppure chi continua ad assistere le popolazioni le cui sofferenze non sono illuminati dai riflettori.

Perché l'8 Maggio?

La festività cade nel giorno in cui ricorre la nascita di Henry Dunant, ideatore e fondatore della Croce Rossa e dei principi su cui essa si regge. Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontarietà, Unità ed Universalità.

La storia della Croce Rossa nasce dalla terribile esperienza di guerra di cui fu testimone Henry Dunant. Il 24 giugno 1859 fu combattuta una delle battaglie più sanguinose del 1800 e Solferino. Trecentomila soldati di tre eserciti si scontrarono lasciando sul terreno circa centomila fra morti, feriti e dispersi.

Era proprio lì che si trovava il giovane svizzero Jean Henry Dunant che si rese subito conto di come la situazione fosse aggravata dalla completa mancanza di assistenza sanitaria in guerra.

Questa esperienza lo colpì profondamente e la raccontò in un testo divenuto poi fondamentale, “Un souvernir de Solferino”, oggi tradotto in più di 20 lingue. Dal Convegno di Ginevra del 1863 nacquero le società nazionali di Croce Rossa, la quinta a formarsi fu quella italiana. Il resto è storia.

8 Maggio 2020 alla CRI di Trofarello

Questi mesi sono stati molto impegnativi dal punto di vista organizzativo. Ma la cosa che ci ha colpito di più sono stati i grandi segni di solidarietà da parte della comunità Trofarellese.

Per altro le attività sanitarie sono state impegnative nelle fasi salienti del contagio epidemico, in cui abbiamo collaborato con i servizi del 118 e abbiamo formato i nostri volontari di nuovi metodi per affrontare la pandemia ancora in corso.

Per quanto riguarda la parte socio- assistenziale ci siamo occupati di spesa a domicilio per gli over 65, grazie alla gestione del numero verde Cri per le persone, consegna farmacipacchi alimentari per persone bisognose. In questi giorni le richieste aumentano velocemente.

Come sarà il domani ...

Crediamo che ci sarà bisogno prima di tutto di senso di comunità. In questi giorni siamo stati inondati da questa forte consapevolezza. Il lavoro dei nostri volontari ha fatto la differenza per tante persone, e questo è stato uno stimolo per tanti. Abbiamo ricevuto donazioni per sostenere le attività, mascherine, pacchi alimentari, pranzi cucinati dai ristoratori per i nostri volontari.

Tutta questa solidarietà deve rimanere viva perché sarà fondamentale per oltrepassare un futuro non facile per tutti noi, associazioni comprese.

Cerchiamo e cercheremo  il modo di stare vicino alle persone per sostenerle. Lo facciamo con le attività sul territorio, ma anche sui nostri social dove raccontiamo le storie dei volontari e facciamo informazione delle varie attività utili ai cittadini del comune di Trofarello.

Questo momento ribattezzato “il Tempo della Gentilezza” diventa d'ispirazione per ricordare i Principi Fondamentali. Tra i quali Umanità e Neutralità, che diventano azioni quotidiane che spesso fanno la differenza tra i vulnerabili.